Tre domande a…Giuseppe Stoppa

Dopo esserci fatti accompagnare in terre lontane da Alberto Rigolli torniamo a calcare strade a noi più prossime, quelle di Milano, con Giuseppe Stoppa, consigliere delegato di Zeta Service, azienda che si occupa di gestione delle paghe, amministrazione del personale in outsourcing, sviluppo del capitale umano e consulenza del lavoro.

Le tre risposte di Giuseppe ci raccontano un progetto sociale che gli è estremamente caro, quello della Casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci, ci aiutano a leggere in maniera meno stereotipata il rapporto che persone in difficoltà” vivono quotidianamente con le tecnologie e ci mostrano come sia possibile fare impresa, anche di grandi dimensioni e successo, tenendo sempre bene in mente i valori fondanti del nostro stare insieme.

Dalla sua esperienza sono nati due volumi, Inciampi di vita e Una storia sbagliata, i cui diritti d’autore sono interamente devoluti alla casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci per progetti di formazione lavoro.

Prima di lasciarvi alle parole di Giuseppe vi ricordo che, se volete rimanere aggiornati e ricevere una mail ogni volta che pubblicheremo un nuovo articolo, potete farlo semplicemente inserendo il vostro indirizzo email nel campo dedicato e cliccando su iscriviti.

iscrizione

Continua a leggere “Tre domande a…Giuseppe Stoppa”

Tre domande a…Alberto Rigolli

Dopo una lunga pausa tornano le “tre domande a…”, e lo fanno con un’intervista che abbiamo subito intuito sarebbe stata speciale.

L’ospite è Alberto Rigolli, un medico da anni impegnato in Italia e in Africa con l’organizzazione CUAMM. Le sue risposte allargano enormemente i confini del nostro mondo, avvicinando una realtà solo apparentemente lontana al punto da farcela quasi toccare.

Non solo, però, le sue parole portano il nostro sguardo a posarsi su territori e situazioni che spesso conosciamo solo per stereotipi, ma entrano anche nella carne viva della questione che cerchiamo di affrontare qui, su Correre pensando: in che modo la tecnologia cambia le nostre vite, i nostri rapporti, le nostre professioni?

Continua a leggere “Tre domande a…Alberto Rigolli”

“Hai visto un re?” Ragazzi, librai, editori e biblioteche in festa – Milano, 30 settembre

re

 

Milano | 28-30 settembre 2018

Giunge alla sua terza edizione la festa Hai visto un re?, una festa dedicata all’editoria per l’infanzia, rivolta a tutti i bambini e ragazzi della città di Milano e non solo, ai loro genitori e a tutti coloro che vogliono trovare, o ritrovare, il piacere di scegliere i libri e leggerli insieme.
Dopo una prima edizione innovativa che ha raccolto una vasta adesione di pubblico e una seconda edizione che si è aperta alla collaborazione con le biblioteche milanesi, la terza edizione consolida l’alleanza tra i vari attori della filiera del libro e si struttura in dieci percorsi inediti e che collegano le librerie e le biblioteche per Ascoltare, Cambiare, Conoscere, Crescere, Errare, Esplorare, Guardare, Immaginare, Raccontare, Viaggiare.

Oasi del piccolo lettore  – via Giuseppe Gabetti 15 (zona stadio San Siro)
30/09/18
17.00 – 18.30
con Carthusia Edizioni
“Crescere senza effetti collaterali” — incontro per adulti • su prenotazione

Incontro a partire dall’innovativa collana di psicologia per bambini, che dà il nome all’evento, con l’obiettivo di aiutare i piccoli a venire a capo dei dubbi che hanno su se stessi… per crescere più fiduciosi nella loro capacità di farcela.
• con Domenico Barrilà

Lo smartphone assedia il nostro rapporto con la corporeità

Sindrome dell’arto fantasma”.  Uno dei pochi ricordi del mio esame di Psicologia Fisiologica, dodici o tredici anni fa. Si tratta di una strana situazione percettiva che tende a manifestarsi nelle persone amputate o prive di sensibilità in un arto, del quale però continuano a percepire posizione, movimento e sensazioni tattili, esattamente come se quella parte del corpo fosse ancora al suo posto. Continua a leggere “Lo smartphone assedia il nostro rapporto con la corporeità”