Bambini, digitale e populismo pedagogico

Siamo stati chiamati a portare il nostro contributo all’interno di un progetto che prevedeva di incontrare una cinquantina di ragazzi e ragazze di circa 12 anni. Abbiamo visto la metà di loro nei giorni scorsi, incontreremo l’altra metà la prossima settimana. Il tema del progetto, “Leggere – osservare: nuovi occhi per tenere vive vecchie emozioni”, siContinua a leggere “Bambini, digitale e populismo pedagogico”

Conversazione con Daniele Falleri

Correre pensando è da sempre un osservatorio aperto al dialogo e allo scambio di opinioni ed esperienze. Nel corso degli anni abbiamo ospitato molti confronti nella rubrica Tre domande a… e oggi vi proponiamo un incontro, questa volta in formato video, con Daniele Falleri. Daniele è sceneggiatore e regista, nel corso della sua carriera haContinua a leggere “Conversazione con Daniele Falleri”

Nell’arresto di Federico Bianchi di Castelbianco mille domande sulla psicologia, sulla pedagogia, sull’editoria, sulla scuola

Mai come in questo periodo i bambini e ragazzi, e con essi la scuola, sono stati al centro di un accerchiamento così sfacciato da parte di agenzie psicopedagogiche, sempre più agguerrite sul fronte di una guerra che sembra avere come esito, speriamo involontario, un aumento delle diagnosi a carico dei minori. Il piatto è pingueContinua a leggere “Nell’arresto di Federico Bianchi di Castelbianco mille domande sulla psicologia, sulla pedagogia, sull’editoria, sulla scuola”

Ma gli influencer non c’entrano

Periodicamente si apre il dibattito, solo per chiudersi immediatamente, sulla figura dell’influencer e dei confini della sua azione. Nei giorni scorsi è accaduto in relazione al ddl Zan, quando due coniugi, che di mestiere fanno proprio gli influencer, sono entrati nel dibattito prendendo drasticamente posizione a favore del provvedimento ma, soprattutto, esprimendo giudizi trancianti sullaContinua a leggere “Ma gli influencer non c’entrano”

Se fosse stato vostro figlio. Perché il digitale e l’umano naufragheranno insieme

Avevamo visto il video del pestaggio una settimana fa, un ragazzino di colore, massacrato di botte a Ventimiglia, non a mani nude ma a sprangate, da tre bravacci italiani, per l’esattezza, due siciliani e un calabrese. La giustificazione è che aveva tentato di derubare uno dei tre di un cellulare, mentre il ragazzo sostiene cheContinua a leggere “Se fosse stato vostro figlio. Perché il digitale e l’umano naufragheranno insieme”

Uno stupro di click

Quello che c’era da dire sull’intervento di Beppe Grillo, davvero sgradevole, a proposito dei fatti in cui è coinvolto il figlio (il presunto stupro di una ragazza) insieme ad altri coetanei, è stato detto dalle voci più disparate, potremmo aggiungere dell’altro ma servirebbe davvero a poco. Tuttavia, questo sito nasce e rimane attento alle questioniContinua a leggere “Uno stupro di click”

Correre pensando. Un invito sempre più necessario

Correre pensando è nato, e rimane in vita, per ricordare che l’accelerazione impressa alle nostre giornate produrrà effetti di disumanizzazione, peraltro già molto evidenti. Basta misurare il livello di attenzione che applichiamo a ciò che accade nel mondo, compresi fenomeni di enorme gravità, che passano silenziosamente nell’ingorgo degli stimoli elettronici, confusi nella folla di eventiContinua a leggere “Correre pensando. Un invito sempre più necessario”

Il satellite Covid-19, una nuova mappa dell’animo

Per una ragione o per l’altra, ciò che accade da un anno nella storia del mondo non piace a nessuno e, del resto, non potrebbe essere diversamente, essendo stati colpiti nella nostra natura profonda, quella interattiva, ma anche nelle nostre sicurezze, da quelle minute a quelle più importanti.Reazioni normali, spesso responsabili, a un evento cheContinua a leggere “Il satellite Covid-19, una nuova mappa dell’animo”

Le nostre proposte formative

In fondo a questa pagina troverete 2 volantini, riguardano una nuova attività di supporto che insieme avvieremo a partire dal mese di ottobre. Un percorso sarà dedicato a insegnanti, genitori e ad altre figure educative, l’altro ai ragazzi, dalle medie alle superiori. Il primo a prendere avvio, in ottobre, sarà il percorso per gli adulti,Continua a leggere “Le nostre proposte formative”

Nel caos vaccini, avere ragione non serve

L’utilità dei vaccini sembrava (giustamente) scontata ma da un certo punto in avanti non è più stato così. Un movimento, minoritario ma rumoroso e discretamente intemperante, è stato utilizzato con furbizia dai due partiti che formano l’attuale governo, risoluto a riportare indietro di un secolo l’orologio della storia.