Processi partecipativi ibridi: si può fare, ma non è una passeggiata

Non sappiamo se gli eventi ibridi siano qui per restare, quello che sappiamo è che organizzarli richiede qualche accortezza su cui vale la pena mettere la testa.

Proviamo a parlarne in questo articolo, scritto per Percorsi di secondo welfare insieme ai colleghi e le colleghe di Pares.

Pubblicato da Luciano Barrilà

Psicologo, socio di Pares.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: